TEATRO ARCIMBOLDI DI MILANO

La pandemia ha messo a dura prova tutti i settori dell’economia ma soprattutto il mondo dello spettacolo con i cinema e i teatri che hanno dovuto sospendere l’attività per oltre un anno e mezzo. Il Teatro degli Arcimboldi di Milano ha deciso di riprendersi il tempo perduto dando vita a un progetto di ristrutturazione importante che riguarda sia il backstage che il foyer e che ha visto il sostegno di tutta la città di Milano e soprattutto del mondo del design e dell’architettura, con il coordinamento dall’architetto Giulia Pellegrino.

Nasce così VIETATO L’INGRESSO, un’iniziativa inedita che vede 17 prestigiosi studi di architettura dare nuova vita ai diciassette camerini del teatro: spazi affascinanti quanto misteriosi e solitamente inaccessibili al pubblico ma che a settembre, in occasione del grande re-opening del teatro e durante la Milano Design Week, saranno resi disponibili per la visita degli spettatori.

Il progetto ha ricevuto il supporto di partner tecnici, aziende e maestranze grazie ai quali i lavori non avranno alcun impatto sull’economia del teatro. Un esempio virtuoso di come, in un momento di gravissima difficoltà per il settore teatrale, il Design arriva in sostegno dell’Arte.

LAUFEN è tra i principali sostenitori di questo importante intervento di riqualificazione della struttura che l’ha vista coinvolta nel progetto di rifacimento dei bagni di ben 9 dei 17 camerini. Ogni studio di architettura ha accettato di ‘adottare’ un camerino e di seguirne il restyle completo, per dare vita ad una galleria di ambienti ciascuno con una sua personalità. Ai progettisti è stato dato un brief estremamente stringato che prevedeva l’inserimento obbligatorio di alcuni elementi irrinunciabili per gli artisti: uno specchio con le luci per il trucco e uno a figura intera, un’appenderia, uno spazio dove riporre gli oggetti personali, un piccolo angolo per il relax e un immancabile vaso per i fiori a fine spettacolo. Per il resto gli architetti hanno potuto dare sfogo alla propria creatività per interpretare questo luogo dove si realizzano grandi trasformazioni e per il quale hanno potuto scegliere liberamente tra i diversi prodotti per il bagno di LAUFEN.



 

L’eclettismo che caratterizza la produzione dell’azienda permette infatti di creare infinite combinazioni tra sanitari e accessori al fine di realizzare la stanza da bagno su misura e che più corrisponde allo stile desiderato. I 9 studi di architettura con cui LAUFEN ha collaborato sono: rgastudio, studio wok, BDGS Architetti Associati e Daniela Volpi, Gio Latis Studio, Park Associati, Galante + Menichini Architetti, Enrico Scaramellini, Francesco Rota Architettura, SenseLab. I sanitari LAUFEN sono stati inoltre scelti dallo studio DFA Partners per realizzare il bagno che servirà tre camerini che ne sono sprovvisti.

Gli studi di architettura che hanno scelto Laufen per la ristrutturazione della zona bagno, si sono lasciati guidare dall’ispirazione e dai diversi input ricevuti dall’ambiente. Sono stati portati sul luogo a visitare il camerino assegnatogli e da lì hanno iniziato a lavorare per creare 9 titoli, 9 identità tutte diverse tra loro, ma omogenee all’interno dello stesso spazio: infatti bagno e camerino seguono la stessa linea decorativa.

TUTTO TONDO, di rgastudio, è un camerino estremamente piccolo e spigoloso che è stato reso morbido e avvolgente alla vista grazie agli arredi, fatti tutti su misura, forme tondeggianti e curve accoglienti. Colori tenui e delicati, materiali fonoassorbenti per creare un ambiente confortevole e rilassante per gli artisti prima di andare in scena. Per il bagno sono stati scelti elementi della collezione Sonar, design Patricia Urquiola, con linee essenziali e morbide che creano continuità tra gli ambienti.

IN BETWEEN, di studio wok, è un camerino che si pone come ambiente di transizione tra il mondo reale e il mondo della finzione, del teatro. Una parete di vetro che dilata la percezione dello spazio e aumenta le dimensioni del camerino, giocando quindi con l’irreale, mentre una consolle posta all’ingresso è la linea di confine con il mondo reale. L’arredo è costituito da pochi semplici elementi. I colori sono sobri e naturali ad eccezione della zona trucco che è blu elettrico. Per il bagno sono stati scelti gli eleganti sanitari sospesi della collezione Sonar così come il lavabo da appoggio. Un ambiente essenziale e funzionale con un occhio di riguardo al design.

PRIMA DELLA PRIMA, di BDGS Architetti Associati e Daniela Volpi, nasce dall’idea di creare un luogo neutro e impersonale per accogliere chiunque entri in modo imparziale. È un ambiente che offre all’ospite la possibilità di concentrarsi e riflettere prima di salire sul palco. Il camerino è stato stravolto completamente e interamente ristrutturato. Per la zona bagno sono stati scelti elementi sanitari sospesi e lavabo totem della collezione Palomba. Portascopino e portasapone sono di Marcel Wanders con the new classic. Specchio e porta carta igienica sono invece di Kartell by Laufen. Questa stanza mette in luce quanto sia possibile combinare tra loro le diverse collezione del brand svizzero, creando delle soluzioni bagno sempre diverse.

KOMOREBI, di Gio Latis Studio, esplora con curiosità il luogo dove solo il personale dedicato ha accesso, ovvero “dietro le quinte”, la stanza dove l’attore si prepara per diventare personaggio. Il camerino è suddiviso in due zone: una molto chiara e luminosa grazie al lucernario, l’altra più ombrosa per dare concentrazione all’artista. Il bagno è interamente Laufen e composto da un lavabo da appoggio Val, di Konstantin Grcic, vaso sospeso Palomba e, un accogliente piatto doccia in Marbond della collezione PRO.

DARKNESS AND LIGHT, di Park Associati, è un ambiente con due anime in contrasto tra loro: una più cupa e ombrosa per permettere all’artista di raccogliersi e concentrarsi prima della rappresentazione, e dall’altro lato un’anima più luminosa, gioiosa e conviviale, concepita per la socialità a fine dello spettacolo. La zona bagno è interamente costituita da elementi Sonar, vaso e bidet sono sospesi, mentre lo specchio circolare è di Kartell by Laufen. Il piatto doccia è in Marbond e fa parte della collezione PRO.

CRISALIDE, di Galante + Menichini Architetti, è un camerino molto arioso e aperto, libero da barriere o ostacoli per farlo sembrare più ampio di quanto non sia in realtà. Questo risultato è stato ottenuto grazie a un gioco di luci e specchi che cambia la percezione dello spazio. Il bagno è composto da lavabo e miscelatore, mobile sottolavabo a cassettoni, specchio, scopino e vaso sospeso della collezione disegnata da Marcel Wanders, The New Classic. Linee morbide e sottili che ricordano un design classico esaltato da materiali all’avanguardia.

PICCOLO PALCO, di Enrico Scaramellini, prende ispirazione dai camerini del cinema del passato, attori seduti davanti alla toeletta mentre si truccano ei preparano per andare in scena chiacchierando davanti allo specchio per creare delle relazioni. Sono infatti 3 grandi specchi i protagonisti del camerino, un gioco di riflessi che mette in relazione gli ospiti di questo ambiente. Il bagno è composto da lavabo con mobile, vaso e bidet sospesi tutti della collezione Sonar. I mixer sono di Kartell by Laufen e il piatto doccia è della famiglia PRO.

JEWEL BOX, di Francesco Rota Architetti, è un luogo dove possono nascere idee ed elementi di valore e dove poi vi rimangono custoditi. La consolle di makeup è la protagonista della stanza e tutto il progetto ruota intorno ad essa. I colori scelti sono nero, bianco e blu che attaverso una grafica curata, esaltano il concetto di “scatola” dei preziosi. Perfettamente in linea con il progetto, sono il lavabo Living, il vaso sospeso Sonar e la scultura in ceramica Baboon della nuova collezione Home.

LIMBO, di Senselab, è un camerino dove l’artista può prendersi un momento di pausa, azzerare tutti i pensieri per poi salire sul palco e diventare personaggio. É un luogo confortevole e sensoriale, grazie ai materiali utilizzati che invitano l’ospite a mettersi a proprio agio. Per dare continuità a questa idea decorativa, per la zona bagno sono stati scelti elementi della collezione Kartell by Laufen tra cui i sanitari sospesi, portasalviette, mensola e porta carta igienica.